Ufficio federale di giustizia

Autorizzata l'estradizione alla Spagna di una presunta attivista dell'ETA

Riserva in merito a eventuali sfondi politici

Comunicati, UFG, 09.08.2002

Berna, 9.8.2002. L'Ufficio federale di giustizia (UFG) ha autorizzato l'estradizione alla Spagna di una presunta attivista dell'ETA. La cittadina tedesca può impugnare la decisione d'estradizione dell'UFG entro 30 giorni davanti al Tribunale federale.

Sulla scorta di un mandato di cattura internazionale dell'ufficio di INTERPOL di Madrid, la donna fu arrestata il 14 marzo 2002 a St. Margrethen SG in occasione di un controllo alla frontiera e posta in carcerazione in vista dell'estradizione. Dalla domanda d'estradizione formale risulta che le autorità spagnole sospettano che la donna abbia affittato a suo nome due appartamenti a Barcelona che sarebbero serviti sia da rifugio per altri attivisti dell'ETA sia da nascondiglio per armi ed esplosivi, serviti per commettere diversi attentati.

L'UFG rileva nella sua decisione d'estradizione che i fatti esposti sono punibili anche secondo il diritto svizzero. Autorizza pertanto l'estradizione a condizione che le autorità spagnole non perseguano o puniscano la donna per l'eventuale sfondo politico dei reati imputatigli.

Contatto / informazioni
Ufficio federale di giustizia, T +41 58 462 77 88, Contatto