Guardie di sicurezza nell’aviazione civile: la Svizzera rafforza la cooperazione internazionale

Comunicati, DFGP, 16.04.2008

Berna. La Svizzera intende consolidare la cooperazione internazionale nel settore dell’impiego di guardie di sicurezza nell’aviazione civile. Mercoledì il Consiglio federale ha approvato un Memorandum of Understanding (MoU) con l’Austria, in base a cui ha autorizzato il Dipartimento federale di giustizia e polizia a stipulare accordi analoghi con gli Stati Uniti, il Canada, la Germania, la Repubblica ceca, la Polonia e la Cina.

Le guardie di sicurezza dell’aviazione civile, i cosiddetti «Tiger», sorvegliano il comportamento dei passeggeri a bordo dei velivoli svizzeri nel traffico aereo internazionale delle compagnie di linea. Le guardie impediscono atti illeciti che potrebbero mettere in pericolo la sicurezza a bordo dell’aereo. L’impiego di guardie di sicurezza nell’aviazione civile è disciplinato nell’ordinanza sulla navigazione aerea (RS 748.01), in cui è stabilito che fedpol è responsabile della formazione, dell’impiego e dell’analisi dei rischi e delle minacce in relazione all’impiego dei «Tiger».

L’impiego di guardie di sicurezza armate sugli aerei svizzeri è stato deciso dal Consiglio federale nel 1970, come reazione al dirottamento di un DC-8 della Swissair che era stato fatto esplodere nel deserto giordano dello Zerqa. La Svizzera è uno dei primi Stati al mondo ad aver introdotto una tale unità speciale nell’aviazione.

Anche l’Austria dispone di un sistema di guardie di sicurezza nella navigazione aerea. Da anni i servizi svizzeri e austriaci responsabili della formazione e dell’impiego di queste unità speciali, intrattengono stretti contatti e si informano regolarmente sulle esperienze fatte.

Nell’ambito della navigazione aerea la Svizzera ha stipulato numerosi trattati internazionali e accordi bilaterali. Tuttavia le questioni specifiche concernenti l’impiego di guardie di sicurezza nell’aviazione civile non sono ancora disciplinate. In vista del campionato europeo di calcio UEFA EURO 2008, nel dicembre del 2007 l’Austria ha proposto alla Svizzera di concludere un Memorandum of Understanding concernente le guardie di sicurezza nell’aviazione civile. Il Consiglio federale ha ora autorizzato l’Ufficio federale di polizia (fedpol) a firmare il MoU.

Per garantire la sicurezza giuridica, il MoU disciplina i dettagli della cooperazione e stabilisce in particolare che lo Stato di partenza deve informare lo Stato d’arrivo degli impieghi Tiger e di eventuali avvenimenti. Il MoU affronta inoltre il tema dell’uso delle armi dopo l’atterraggio e delle competenze di polizia, che devono rispettare le disposizioni dello Stato di partenza.

Contatto / informazioni
Comunicazione e media fedpol, T +41 58 463 13 10, Contatto