Commissione federale delle case da gioco

Il Tribunale amministrativo federale subordina gli apparecchi automatici da gioco "Tactilo" alla legge sulle lotterie

Comunicati, CFCG, 29.01.2010

Berna. La Commissione federale delle case da gioco (CFCG) ha preso atto della sentenza del Tribunale amministrativo federale che accoglie i ricorsi contro la sua decisione in merito agli apparecchi "Tactilo". La CFCG analizzerà la motivazione scritta della sentenza e in seguito deciderà se adire il Tribunale federale.

Da più di dieci anni è controverso se gli apparecchi con cui la "Loterie Romande" offre i cosiddetti giochi Tactilo debbano essere considerati normali apparecchi automatici per il gioco d’azzardo o particolari apparecchi automatici per le lotterie. La questione è di rilievo poiché la legge sulle case da gioco vieta i giochi d’azzardo al di fuori delle case da gioco, facendo salve le disposizioni della legge sulle lotterie. Le lotterie sono infatti ammesse se perseguono uno scopo di pubblica utilità e se sono state autorizzate dai Cantoni competenti.

La CFCG ha sempre sostenuto che spetti al legislatore risolvere la questione dell’ammissibilità degli apparecchi Tactilo e si è quindi ripetutamente espressa a favore di una revisione della legge sulle lotterie almeno in questo punto. Una revisione avrebbe permesso di creare un disciplinamento del gioco d’azzardo coerente anche per quanto riguarda la prevenzione sociale. A differenza della più recente legge sulle case da gioco, la legge sulle lotterie, che risale al 1923, non prevede disposizioni in tal senso.

Nel 2004 il Consiglio federale aveva deciso di sospendere i lavori di revisione e di lasciare ai tribunali la decisione sull’ammissibilità degli apparecchi Tactilo.

Dopo la notizia che l’impiego di apparecchi simili era previsto anche nella Svizzera tedesca e in Ticino, la CFCG, in quanto autorità di vigilanza sul gioco d’azzardo in Svizzera, si era vista costretta a impedire la prevista estensione dell’offerta per mezzo di una decisione provvisoria – in seguito confermata dal Tribunale federale – e ad avviare un procedimento amministrativo.

Nell’ambito del procedimento la CFCG aveva esaminato a fondo i lavori preliminari alla legge sulle case da gioco e i pareri espressi in Parlamento sulla questione degli apparecchi automatici per le lotterie, svolto ampi accertamenti, fatto riflessioni di fondo e chiesto perizie tecniche, giungendo alla conclusione che il gioco Tactilo contiene solo deboli elementi di una lotteria e assomiglia invece in larga misura agli apparecchi automatici da gioco in uso nelle case da gioco.

La CFCG aveva di conseguenza ritenuto che anche gli apparecchi Tactilo dovessero sottostare alla legge sulle case da gioco, il che ne rendeva illecito l’impiego al di fuori dei casinò. Il 21 dicembre 2006 aveva dunque deciso di ordinare di smontare gli apparecchi Tactilo in uso entro sei mesi dal passaggio in giudicato della decisione.

Come reso ora noto, la decisione della CFCG è stata impugnata con successo dinanzi al Tribunale amministrativo federale dalle società che organizzano lotterie e da tutti i Cantoni. La CFCG analizzerà la motivazione scritta della sentenza e in seguito deciderà se adire il Tribunale federale.

Contatto / informazioni
Benno Schneider, Commissione federale delle case da gioco, T +41 71 222 23 53
Jean-Marie Jordan, Commissione federale delle case da gioco, T +41 31 323 12 05