Passaporti elettronici: adeguamenti tecnici per la registrazione delle impronte digitali

Comunicati, Il Consiglio federale, 31.08.2011

Berna. In Svizzera la registrazione delle impronte digitali nei passaporti elettronici è modificata per adeguarla alle norme dello spazio Schengen. Oggi il Consiglio federale ha approvato gli adeguamenti che devono essere apportati all'Accordo di associazione alla normativa di Schengen concluso con l’UE. La procedura di cifratura è in costante sviluppo. Vengono inoltre adeguate le prescrizioni in materia di registrazione delle impronte digitali. Per i cittadini svizzeri questi adeguamenti di natura puramente tecnica non comportano alcun cambiamento.

La modifica statuisce che la procedura di cifratura BAC (Basis Access Control), attualmente utilizzata per impedire la lettura non autorizzata dei dati registrati nel passaporto e per cifrare la trasmissione dei dati tra il passaporto e l'apparecchio di lettura, entro la fine del 2014 dovrà essere integrata dalla nuova procedura PACE v2 (Password Authenticated Connection Establishment). PACE v2 offre un grado di sicurezza ancora maggiore grazie all'uso di una procedura d'accesso più aggiornata.

Anche la procedura di registrazione delle impronte digitali è soggetta ad alcuni cambiamenti. Per i passaporti elettronici verranno, come finora, registrate sistematicamente le impronte dei due indici. Se la qualità dell'impronta digitale non è sufficiente, se manca un indice o se il polpastrello è ferito, in via sostitutiva è registrata l'impronta del dito medio, dell'anulare o del pollice. Se anche le impronte digitali sostitutive sono di scarsa qualità, in Svizzera finora venivano registrate due dita della seconda mano.

La qualità delle impronte digitali continuerà a essere controllata anche con la nuova norma. In caso di qualità insufficiente, le dita da utilizzare per le impronte sostitutive restano le medesime. Se le impronte di tutte le dita di una mano che si possono utilizzare per le impronte sono di scarsa qualità, in futuro sul microchip non saranno più registrate due impronte digitali della seconda mano, bensì l'impronta del dito con la migliore qualità, anche se non soddisfa i requisiti minimi. La novità consiste quindi nel fatto che verrà in ogni caso registrata un'impronta digitale per mano.

Nessun cambiamento per i cittadini svizzeri
L'adeguamento delle caratteristiche di sicurezza e dei dati biometrici nei passaporti e nei documenti di viaggio costituisce uno sviluppo dell'acquis di Schengen e si basa su una decisione della Commissione europea. Per i cittadini svizzeri che chiedono il rilascio di un passaporto elettronico tali adeguamenti tecnici non comportano alcun cambiamento. Tutti i passaporti elettronici rilasciati finora restano validi fino alla loro data di scadenza. La Svizzera potrà inoltre trasporre gli adeguamenti necessari senza dover modificare le basi giuridiche formali. In virtù della decisione della Commissione europea gli adeguamenti tecnici dovranno essere trasposti entro la fine del 2014.

Contatto / informazioni
Comunicazione e media fedpol, T +41 58 463 13 10, Contatto
Dipartimento responsabile
Dipartimento federale di giustizia e polizia, T +41 58 462 21 11, Contatto